In Libano una scuola mobile per i bambini siriani

Nei campi profughi di Marjayoun, nel sud del Libano, vivono 2.800 persone, di cui quasi la metà sono minori. Non potendo andare a scuola, è stata la scuola ad andare da loro.
Gli operatori di Fondazione AVSI e Unicef hanno allestito tende in ogni campo, attrezzandole con banchi, tappeti e lavagne. Aule improvvisate, ma spaziose e accoglienti, dove i bambini possono frequentare corsi di recupero e di alfabetizzazione e, giocando, applicare quel che imparano. Anche le mamme sono coinvolte, ad esempio in attività di sensibilizzazione sui temi della salute, dell’igiene personale e del corretto utilizzo dell’acqua.

Il problema maggiore era quello di far arrivare gli insegnanti in tutti e ventuno i campi profughi della piana di Marjayoun, una regione che si presta poco agli spostamenti per l’insufficienza di trasporti pubblici e la mancanza di collegamenti. E' per colmare questo bisogno che abbiamo sostenuto il progetto di Una Scuola Mobile attraverso l'acquisto di un pullmino per trasportare il personale scolastico e il materiale didattico.

Oggi gli insegnanti possono spostarsi da un campo all'altro; accorciandosi le distanze, le lezioni potranno diventare più regolari e coinvolgere in futuro un maggior numero di studenti. E' il sogno di una vita più normale che si avvera.

 
 

Foto

Questo sito web fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza di visita. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, puoi consultare la nostra Cookie Policy