La missione di Luca, osteopata al servizio degli altri

Nelle nostre città i bisogni sono tanti, di tutti i tipi. Grazie alla squadra dei nostri 400 volontari, abbiamo una marcia in più per correre dove c'è più bisogno di noi.

C'è chi regala il suo tempo per distribuire pasti o preparare pacchi viveri, chi partecipa a campagne come la zuppa della Bontà, chi inizia ora a raccogliere indumenti e coperte per quando farà freddo. E c'è chi, come Luca Rizzi, oltre al suo tempo mette a disposizione di Progetto Arca le proprie competenze professionali, "quello che so fare", dice con semplicità.

Osteopata e docente presso la clinica universitaria I.C.O.M. (International College of Osteopathic Medicine), da circa un anno aiuta Giovanni, uno degli ospiti che vivono nei nostri appartamenti in Housing First, a "stare bene in piedi".

"All'inizio Giovanni ha dovuto imparare ad essere preciso negli appuntamenti – una volta la settimana oppure ogni due –, a non arrivare in ritardo, ma per il resto è stato come trattare qualsiasi altro paziente e stiamo avendo buoni miglioramenti.

Con il tempo, poi, siamo entrati in confidenza. Spesso Giovanni mi racconta la sua vita, come era prima, come è adesso, gli eventi che lo hanno fatto scivolare in strada. Non penso di fare tanto, da lui ricevo molto di più."

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

Questo sito web fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza di visita. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, puoi consultare la nostra Cookie Policy