Alla fine ho scoperto di essere più forte di quello che pensavo. La storia di Mariangela

C'è stato un giorno in cui Mariangela ha deciso di chiudere con il presente e darsi una seconda possibilità. "Quel giorno ho perso tutto e lasciato tutto ma ho riguadagnato me stessa".

 

“Dopo aver lavorato vent’anni alle Poste, all’età di quarant’anni mi sono licenziata perché volevo aprire un negozio di abbigliamento a Piacenza. Non sono andate bene determinate cose e ho dovuto arrangiarmi tra settemila lavori, dalla dog sitter all’operaia, per tanti anni. Sono poi incappata in una brutta relazione, dove ho subìto senza trovare il modo di venirne fuori: non sapevo come fare. Vivevamo insieme, ma stavamo molto male. Alla fine ho scoperto di essere più forte di quello che pensavo. Un giorno ho preso uno zainetto e sono uscita di casa per non tornare mai più. Ho lasciato tutto e quindi ho perso tutto ma ho riguadagnato me stessa”.

Il sorriso di Mariangela vale più di mille parole. Lei, che dopo una vita faticosa ha lasciato e perso tutto, ha ritrovato la forza di potercela fare.

Oggi è ospite nel nostro Centro di accoglienza di via Agordat a Milano che accoglie anziane signore autosufficienti, donne sole e giovani mamme straniere con bambini.
Ha una stanza tutta sua dove “entrano la luce e i profumi del parco” e dove ha potuto portare i suoi compagni più cari, i suoi libri. “Sarebbero centinaia perché nei momenti più bui ne leggevo anche quattro o cinque alla settimana, ma ho dovuto fare una selezione per farceli stare tutti”.
Quando è a casa, spesso fa la zia dei piccoli ospiti del Centro, mentre le loro mamme frequentano i corsi di italiano.

E’ una fortuna stare in mezzo a loro perché i bambini sono una gioia infinita e posso dire che da quando sono arrivata non c’è un giorno in cui non riceva un sorriso o un abbraccio.

L’altra svolta nella sua vita è stata il lavoro. “Mi sono messa a disposizione per collaborare in magazzino (il magazzino di Progetto Arca ndr) dove mi occupo di confezionare i pacchi che vanno alle persone che ne hanno bisogno, principalmente donne e bambini. Dentro ci sono i prodotti per l’igiene personale, che arrivano da donazioni di varie aziende e anche di privati”.
“E’ un lavoro pesante?” chiediamo, ma lei, da dietro gli scaffali dove sta ordinando shampoo e bagnoschiuma, risponde con un sorriso dei suoi: “Da quando mi sveglio sapendo che ho un posto che mi aspetta e dove posso rendermi utile mi sento rinata. Stare in magazzino può sembrare un lavoro poco gratificante, non se pensi a quelli a cui vanno queste scatole. E poi intorno a me ci sono persone meravigliose, Anna prima di tutti”.

 

Credits: tratto dal libro di Stefano D'Andrea "Umani a Milano per Progetto Arca" (Gribaudo).

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

 

Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy