Majla e Marco: doniamo pasti ai senzatetto perché sentiamo vicine le loro storie

Per ogni pasto cucinato agli ospiti del loro casale, donano un pasto alle persone senza dimora che assistiamo. Già 4mila i pasti offerti dalla coppia.

 

“Sentivo di voler aiutare chi aveva bisogno e mi avete dato la possibilità di fare un gesto bellissimo verso persone che hanno perso tutto”. Majla è un fiume in piena mentre racconta del suo incontro con Progetto Arca.

Con il marito Marco, ha aperto le porte della dimora storica di famiglia sulle colline del Chianti, vicino a Firenze, e dato vita all’associazione culturale “Accidental Tourist” che organizza degustazioni e lezioni di pasta fatta in casa per gli ospiti che soggiornano alla villa.
Majla ci conosce per caso, sente subito vicini i nostri progetti e decide di sostenerli con continuità: “quello che mi piace di Progetto Arca è che non risponde solo ai bisogni essenziali delle persone più fragili, ma lavora per dare loro una seconda occasione e io sono felice di poter offrire il mio contributo”.

Più Majla si addentra nelle attività di aiuto che ci vedono impegnati, più si appassiona e si fa strada in lei il desiderio di dare a quella donazione un valore più profondo, di trasformarla in una collaborazione più concreta e significativa.

“Da 22 anni mi occupo di accoglienza, offro ai miei ospiti buon cibo e un letto comodo, per questo sento così vicine le storie delle persone che aiutate, perché parlano di chi invece non ha un piatto per sfamarsi e una casa dove tornare”.

Così, per ogni ospite che partecipa alle lezioni di cucina e siede a tavola con loro, Majla e Marco decidono di donare un pasto alle persone senza dimora assistite da Progetto Arca: l'iniziativa prende il via nel 2018 e da allora i pasti donati sfiorano i 4mila!

L’emergenza Covid-19 ha rallentato la loro attività, ma non la voglia di aiutare. Chi soggiornerà da loro nei prossimi mesi troverà ad accoglierlo un cesto di benvenuto con alcuni prodotti tipici toscani e non solo: una bottiglia di Chianti e una di olio, un rametto di rosmarino e una confezione di zuppa della Bontà, il prodotto solidale che i nostri volontari distribuiscono a fronte di una donazione per raccogliere fondi a sostegno delle persone senza dimora.
Gli ospiti di Majla e Marco potranno così cucinarsi un pasto sano e gustoso, nella villa o anche una volta tornati a casa. Avrà il sapore delle cose buone, di quelle fatte con amore, per se stessi e per gli altri.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

 

 

Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy