Acqua fresca, kit contro il caldo e accoglienza H24

Il primo aiuto non va in vacanza. A Milano, Roma e Napoli distribuzione di acqua e kit di primo intervento. Strutture aperte H24 per dare accoglienza alle persone più fragili

 

Anche d'estate il bisogno resta grande tra chi non ha una casa e affronta in strada le ore più calde del giorno. Senza un riparo né acqua fresca, disidratazione e colpi di calore sono i rischi più frequenti.

Per questo, nei mesi di luglio e agosto, rinforziamo l’azione delle nostre Unità di strada distribuendo acqua fresca e kit contro il caldo contenenti tutto il necessario per alleviare il disagio di chi non può fare cose semplici ma essenziali come bere dell'acqua, farsi una doccia o cambiarsi d'abito per stare più fresco e pulito.

Nei kit, racchiusi in pratici zainetti azzurri, sono presenti succhi di frutta, barrette energetiche, salviette umidificate, prodotti per la cura e l’igiene personale e cambi completi di biancheria.
Li abbiamo confezionati con urgenza grazie all'aiuto dei volontari e al sostegno di tanti donatori che hanno risposto al nostro appello.

 

I colpi di calore e la disidratazione mettono a rischio la vita delle persone che non hanno un riparo né di giorno né di notte - commenta il presidente Alberto Sinigallia - Per questo, grazie al sostegno dei nostri donatori, abbiamo potuto acquistare diversi prodotti utili all’igiene personale e quindi al benessere di chi ne ha più bisogno, e abbiamo confezionato questi kit di primo intervento.
Un grazie di cuore va a tutti gli operatori e ai volontari: per loro l’estate non significa solo vacanza ma anche vicinanza e aiuto ai più fragili”.

La distribuzione coinvolge le città di Roma, Napoli e Milano. E sempre a Milano, prosegue per tutta l'estate il nostro servizio di accoglienza nelle micro comunità di via Giorgi e di via San Marco e nella struttura comunale di via Aldini, aperta anche di giorno per dare assistenza continuativa ai più fragili dei fragili, persone anziane o malate, la cui salute già compromessa rischierebbe di peggiorare in strada. In via eccezionale, è stato allestito anche uno spazio per offrire ricovero notturno alle persone con i loro cani che solitamente rifiutano l'accoglienza per non doversi separare dai propri animali.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

 

Il nostro sito web utilizza cookie tecnici, analitici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetto” o proseguendo nella navigazione acconsenti al loro utilizzo, secondo quanto previsto dalla nostra Cookie Policy
Per saperne di più, consulta l’Informativa sulla Privacy.