Profughi, apre il nuovo Hub. Accoglienza diffusa il modello da seguire

Ambulatorio, docce, area ristoro e banco per la registrazione, uno spazio gioco per i bimbi e postazioni PC per contattare i parenti lontani. Si trasferiscono nel nuovo Hub di via Sammartini 120 a Milano tutti i servizi della sede di via Tonale, che per 10 mesi ha offerto primissima accoglienza a circa 33.000 migranti di passaggio a Milano. 

Commenta Alberto Sinigallia, presidente di Fondazione Progetto Arca, che gestisce le attività dell’Hub, grazie anche al sostegno di Fondazione AVSI, in collaborazione con il Comune di Milano e le organizzazioni del privato sociale e del mondo del volontariato:

Nei giorni di sopralluogo prima e di trasloco poi, abbiamo comunque sempre garantito il servizio ai migranti arrivati, intensificando le azioni con la messa a disposizione all’esterno dell’Hub di un’unità mobile di dieci operatori con una navetta e due auto.

Ma il trasferimento dell’Hub è solo il tassello di un cambiamento più ampio. A Milano non c'è più il ricambio che, nelle due estati precedenti, ha consentito di accogliere migliaia di persone e famiglie in transito verso il nord Europa. I profughi che arrivano in questi ultimi mesi all’Hub, per la maggior parte famiglie con bambini, di nazionalità eritrea, hanno una precisa caratteristica:

il 50%  - contro l’1% del passato - fa richiesta di asilo politico in Italia a causa della chiusura delle frontiere.

Oggi, dunque, chi approda in città è costretto a fermarsi, con il risultato che nei centri di accoglienza temporanea i posti liberi sono limitatissimi per i nuovi arrivati.
Dichiara Sinigallia:

La soluzione che intravedo è quella suggerita anche da Papa Francesco alle diocesi: l’accoglienza diffusa.

Questo significa l’allestimento di mini-centri, collocati per lo più in appartamenti e quindi capaci di ospitare nuclei familiari o al massimo 4-5 persone, che permetterebbero di liberare o alleggerire le strutture di prima accoglienza e di avviare percorsi d’integrazione (corsi di lingua, formazione professionale, ricerca attiva del lavoro), contando oltre che sui servizi, stabiliti dalle convenzioni, anche sul contributo dei volontari e della rete di rapporti delle comunità.

Nessuna zona delle nostre città sarebbe quindi appesantita dall’emergenza dei grandi flussi; anzi, ogni zona ne risulterebbe arricchita a livello di integrazione e cultura.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

 

Questo sito web fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza di visita. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, puoi consultare la nostra Cookie Policy