Con chi scappa da guerre e povertà. Dall'emergenza all'integrazione

 

Dal 2011, anno dell’Emergenza Umanitaria in Nord Africa, il nostro impegno ad accogliere chi fugge da guerre e povertà non si è mai fermato e negli anni è andato oltre la semplice risposta ai bisogni primari.

Nei 9 Centri di accoglienza straordinaria (CAS) che gestiamo in convenzione con il Comune di Milano e con le Prefetture di Milano, Lecco, Varese, abbiamo potenziato i servizi di orientamento legale, di assistenza psicologica, di supporto burocratico e amministrativo e l’insieme delle attività volte a promuovere l’integrazione dell’ospite nella comunità.

Un’equipe multidisciplinare di operatori garantisce supporto e accompagnamento di tipo giuridico, psico-sanitario, linguistico e professionale, a chi muove i primi passi nel nostro Paese.

Il primo impegno è quello di accompagnare la persona accolta alle visite mediche, facilitare i contatti con la Questura e la Prefettura per il rilascio dei documenti, supportarla nel perfezionamento della domanda di asilo, seguirla e prepararla a sostenere il colloquio di fronte alla Commissione territoriale. Nell’attesa di conoscere l’esito della propria domanda, gli ospiti hanno la possibilità di frequentare corsi di italiano e di formazione professionale, di iniziare tirocini e borse lavoro.

La conclusione positiva del percorso di richiesta di asilo prevede il passaggio in una struttura comunitaria o in appartamento nell’ambito del sistema SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), prevalentemente dedicato a chi ha conseguito lo status di rifugiato o un’altra forma di protezione.

Il servizio SPRAR sviluppa per ciascun ospite un progetto educativo individuale che ha come obiettivo ultimo l’integrazione e il raggiungimento dell’autonomia economica, sociale e abitativa entro i 6/12 mesi dall’ingresso.

Attualmente accogliamo in sistema SPRAR 58 persone, di cui 8 in appartamento. Il servizio è gestito in Associazione Temporanea di Scopo con Consorzio e Cooperativa Frasi Prossimo, Associazione La Grangia di Monluè e Comunità Progetto, sotto l’egida del Comune di Milano.
Nel 2018, 607 ospiti accolti nei CAS sono entrati nello SPRAR, mentre 44 hanno proseguito il percorso in autonomia, trovando casa e lavoro.

Un’attenzione particolare nella filiera dei nostri servizi dedicati all'accoglienza dei migranti è riservata alle donne richiedenti asilo più fragili: donne singole, mamme sole con bambini o in attesa di un figlio. La maggior parte di loro è stata vittima di violenza di genere.

Nei nostri due Centri di accoglienza milanesi diamo loro sostegno durante la gravidanza e le accompagniamo nel delicato periodo dell’allattamento e dello svezzamento, curando gli aspetti sanitari, psicologici ed emotivi anche attraverso corsi di educazione alla sessualità, di maternità consapevole e di sostegno alla genitorialità.
Alcuni dei bambini più grandi frequentano già l’asilo nido o la scuola materna. Spesso sono proprio loro a facilitare l’integrazione delle loro mamme.

 

 
 

NEWS CORRELATE

Servizio Civile, 16 posti in Progetto Arca. Candidati ora!

Servizio Civile, 16 posti in Progetto Arca. Candidati ora!

Daniela, psicologa al servizio delle relazioni. “Il mio posto è tra le persone”

Daniela, psicologa al servizio delle relazioni. “Il mio posto è tra le persone”

Una casa, un lavoro e i miei nuovi amici italiani. La storia di Yahya

Una casa, un lavoro e i miei nuovi amici italiani. La storia di Yahya

Rischiare la vita per metterla in salvo. La storia di Ziggy

Rischiare la vita per metterla in salvo. La storia di Ziggy

Una mattina con i volontari all'Hub di via Sammartini

Una mattina con i volontari all'Hub di via Sammartini

Sono arrivati soli. Adesso li accompagniamo noi

Sono arrivati soli. Adesso li accompagniamo noi

Sono qui per crescere. La storia di Laminou, cuoco di Progetto Arca

Sono qui per crescere. La storia di Laminou, cuoco di Progetto Arca

A Lampedusa i migranti diventano stelle di una mostra sottomarina

A Lampedusa i migranti diventano stelle di una mostra sottomarina

Prev
 

Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy