Con chi scappa da guerre e povertà. Dall'emergenza all'integrazione

migranti cover

 

Dal 2011, anno dell’Emergenza Umanitaria in Nord Africa, il nostro impegno ad accogliere chi fugge da guerre e povertà non si è mai fermato e negli anni è andato oltre la semplice risposta ai bisogni primari.

Nei 3 Centri di accoglienza straordinaria (CAS) di Milano e Opera, uno per soli uomini, uno per donne e mamme sole con bambini e il terzo dedicato a famiglie, offriamo assistenza sanitaria, sostegno socio-psicologico, servizi di orientamento legale e supporto burocratico e amministrativo, oltre all’insieme delle attività volte a promuovere l’integrazione dell’ospite nella comunità: insegnamento della lingua italiana, corsi di educazione alla sessualità e per la maternità consapevole, corsi di sostegno alla genitorialità.
Nell'ultimo anno l'accoglienza è stata estesa a famiglie afgane in fuga dal regime talebano, adolescenti soli che hanno dovuto lasciare la propria famiglia per scappare da guerre, dittature e povertà estreme e cittadini ucraini, prevalentemente donne con bambini, scappati dal conflitto in corso e in cerca di assistenza e protezione.

Un’attenzione particolare nella filiera dei nostri servizi dedicati all'accoglienza dei migranti è riservata alle donne richiedenti asilo più fragili: donne singole, mamme sole con bambini o in attesa di un figlio. La maggior parte di loro è stata vittima di violenza e tratta.

Sempre a Milano, gestiamo 15 appartamenti nell’ambito del Sistema di Accoglienza e Integrazione (SAI) riservato a titolari di protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e richiedenti asilo. È un percorso di seconda accoglienza che ha come obiettivo il raggiungimento dell'autonomia - sociale, economica e abitativa - entro i 6/12 mesi dall'ingresso.

Corsi di lingua italiana, consulenza legale, sostegno psicologico, orientamento professionale e supporto nella ricerca di soluzione abitative autonome sono i principali servizi che compongono il progetto educativo definito con ogni ospite.

 

 

 
 

NEWS CORRELATE

Un nuovo posto da chiamare casa grazie a IKEA Italia

Un nuovo posto da chiamare casa grazie a IKEA Italia

From Herat to Milan, la voce dell'Afghanistan nelle opere di Aziz Behrang

From Herat to Milan, la voce dell'Afghanistan nelle opere di Aziz Behrang

Due nuovi Centri per l'accoglienza delle famiglie ucraine a Milano

Due nuovi Centri per l'accoglienza delle famiglie ucraine a Milano

A Milano apre l’Hub per la prima accoglienza dei profughi ucraini

A Milano apre l’Hub per la prima accoglienza dei profughi ucraini

"Ogni bambino vorrebbe stare con la sua mamma. Per me non c'è stata scelta"

Con Fondazione Veronesi per accogliere le prime famiglie afgane a Milano

Con Fondazione Veronesi per accogliere le prime famiglie afgane a Milano

Daniela, psicologa al servizio delle relazioni. “Il mio posto è tra le persone”

Daniela, psicologa al servizio delle relazioni. “Il mio posto è tra le persone”

La toasteria di Milano dove sentirsi a casa anche lontano da casa

La toasteria di Milano dove sentirsi a casa anche lontano da casa

Prev