Io, di nuovo al volante della vita. La storia di Francesco

 

Ventidue anni di servizio come autista per un corriere espresso, e all’alba dei quaranta la disoccupazione. Una doccia fredda, ma Francesco non è tipo da scoraggiarsi. Perso il lavoro, si arrangia come può, consegnando le pizze la sera in motorino. Sopravvive, e gli sembra che il peggio sia passato. Fino alla notte del 2011, quella dell’incidente che segna l’inizio di tutti i suoi guai.

Leggi tutto...

Ora ho un progetto Maurizio

 

“Vivevo in una casa popolare, dico la verità, senza averne diritto. Poi un intervento chirurgico, di quelli tosti, e mi ritrovo per strada. Lì ho incontrato Progetto Arca ed è iniziato per me un nuovo cammino, non facile. Ora faccio il volontario, ho di nuovo un progetto e posso sorridere ancora.”

Leggi tutto...

A Mirasole, dove accoglienza fa rima con lavoro

 

Progetto Arca e Progetto Mirasole Impresa Sociale gestiranno per trent’anni l’abbazia di Mirasole, nella Bassa Milanese, uno degli storici beni della Fondazione IRRCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, proprietaria fin dal 1797.
Il bando di locazione, indetto dalla Fondazione Sviluppo Ca' Granda, è stato vinto presentando un progetto di welfare sociale di comunità che darà nuova vita al complesso abbaziale di Mirasole e ne rinnoverà l’antica vocazione di luogo di spiritualità, accoglienza e lavoro.

Leggi tutto...

Sono qui per crescere. La storia di Laminou, cuoco di Progetto Arca

 

Da quel giorno la vita di Laminou è cambiata per sempre. E’ una mattina di cinque anni fa, quando i soldati di Gheddafi fanno irruzione nella sua casa e lo derubano di tutto. Nigeriano, Laminou allora aveva 22 anni, risiedeva in Libia da cinque, aveva un lavoro che gli rendeva bene, e sognava di rientrare un giorno nel suo Paese. Non sarà così.

Leggi tutto...

Dona un farmaco a chi non può curarsi. Questa estate, con DoLine

 

Si ammalano come tutti ma si curano 4 volte meno. Parliamo delle oltre 405mila persone, soprattutto famiglie monoreddito e anziani, che in Italia non possono acquistare farmaci e che devono rinunciare al diritto di curarsi. Il bisogno maggiore di medicinali si registra in Lombardia ed è in aumento a Milano, dove quest’anno la richiesta è cresciuta del 23%.

Permettere di curarsi a chi non ha i mezzi per farlo, ora è più facile.

Leggi tutto...
 

Questo sito web fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza di visita. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, puoi consultare la nostra Cookie Policy