La toasteria di Milano dove sentirsi a casa anche lontano da casa

MiCasa, prima toasteria di Milano. In cucina uno staff multietcnico formato da ragazzi richiedenti asilo. "Ci hanno accolto come in famiglia, è qui che vogliamo crescere."

Il giorno in cui Vincenzo e Monika decidono d’inventarsi la prima toasteria di Milano, hanno ben in mente quel che volevano che diventasse: un locale dove poter sostare anche più del tempo di un panino, accogliente per i clienti come per chi ci avrebbe lavorato. Nasce con questo spirito MiCasa che oggi conta due bar toasterie, entrambe all’altezza delle promesse. Varianti di toast per tutti i palati, arredi a misura di bambino, una cucina che offre formazione e opportunità di lavoro a giovani richiedenti asilo di tutte le nazionalità.

Dietro i fornelli incontriamo un team multietnico di cui fanno parte anche sei dei nostri ospiti del Centro SPRAR di via Stella.

Arun e Bambo, arrivati in Italia due anni fa, rispettivamente da Afghanistan e Mali, sono le new entry della squadra di MiCasa. Capirsi in mezzo a questa babele di lingue non sarà un problema? "Tra di noi parliamo quella che conosciamo tutti: l’italiano", risponde Arun.

Qui è come una famiglia”, aggiunge Bambo che ha 19 anni e lo scorso giugno ha preso la licenza media. Il suo tutor e responsabile è Khan, anche lui afgano, anche lui con una storia di migrazione alle spalle. Nel 2012 è arrivato a MiCasa con un tirocinio, col tempo si è guadagnato la stima di tutti e una posizione solida. Oltre a coordinare la cucina, affianca Monika nei colloqui di lavoro.

"I ragazzi entrano a MiCasa attraverso tirocini di inserimento lavorativo che possono durare fino a un anno, se necessario. Il nostro obiettivo è che si concludano con un'assunzione", spiega Monika. “A questi ragazzi dico sempre che l’importante è che siano seri e che abbiano voglia di imparare. La chiave di tutto è la fiducia, finora è stata ricambiata dall’impegno e da grande forza di volontà.”

E quando qualcuno crede in te, anche crescere è più facile. Presto Arun e Bambo saluteranno il nostro Centro SPRAR. Il lavoro li ha aiutati ad acquistare autonomia, il prossimo passo sarà andare a vivere in un appartamento che stanno già cercando insieme. Sanno che non sarà facile, ma sono ottimisti: “Questo è il posto dove vogliamo crescere.”

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

 

 

Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy