Casa Arca, la famiglia ritrovata di Lucio

"Cinzia e Flavia di Progetto Arca sono state i miei angeli custodi, e da loro ho imparato a contare di nuovo su me stesso e a credere che è davvero possibile avere una seconda occasione nella vita". La storia di Lucio e della sua nuova vita.

 

"È eccezionale!" è l’espressione che Lucio ripete più spesso quando racconta la sua avventura.
Cinquantenne romano, Lucio, diplomato cuoco negli anni 80 e oggi insegnante di sostegno, è un appassionato della vita, "di questa vita trasformista, che può cambiare in un solo minuto, ma che sa accoglierti a braccia aperte se mescoli insieme volontà e umiltà".

La storia di Lucio è quella di molte persone in difficoltà, ma la sua ripresa è esemplare.
Infanzia complessa, diploma alberghiero, lavori saltuari, vita da single. Un giorno Lucio si accorge che i suoi risparmi sono ridotti all’osso, e al posto di un nuovo lavoro arriva lo sfratto. Il rifugio temporaneo è una roulotte, poi una sistemazione di fortuna dal fratello, ma Lucio capisce che è necessario trovare al più presto un altro tetto sotto il quale, intanto, sopravvivere.

Affranto e demotivato, accoglie il suggerimento di un amico di contattare la nostra responsabile a Roma Cinzia Machelli e da lì, dice, "mi è stata regalata la possibilità di riemergere". È la fine del 2016 quando Lucio entra a far parte della famiglia di Casa Arca, l’appartamento dove accogliamo uomini in difficoltà abitativa aiutandoli a recuperare le energie risucchiate dalle cadute della vita e a credere ancora nei traguardi e nei sogni. Unico requisito richiesto per entrare: la volontà, un giorno, di uscire.

Una sala e una cucina in comune, e poi stanze da letto da condividere, sono gli spazi dove gli ospiti vivono le giornate scandite da attività pratiche e momenti di riflessione organizzate dall’educatrice Flavia Uguccioni, insieme a un bel gruppo affiatato di volontari.

Cinzia e Flavia sono state i miei angeli custodi, e da loro ho imparato a contare di nuovo su me stesso e a credere che è davvero possibile avere una seconda occasione nella vita.

Grazie a loro, infatti, Lucio ha la possibilità non solo di accedere a cure sanitarie di cui ha bisogno da tempo, ma soprattutto di ottenere un impiego prima in una cooperativa di pulizie e poi in una scuola elementare come commesso. Serietà e senso del risparmio sono le qualità che danno una marcia in più alla sua svolta. Dopo neanche un anno in Casa Arca, Lucio è pronto a rituffarsi con coraggio nel mondo.
"È eccezionale quello che mi è accaduto e tutto nel giro di pochi giorni. Ho trovato un appartamentino in affitto, che condivido con un amico ritrovato, e ho ricevuto l’incarico di insegnante di sostegno in una scuola alberghiera. È incredibile cosa ti riserva la vita" e aggiunge a testa alta: "Ogni giorno il mio obiettivo è regalare ai miei studenti quello che ho imparato a Casa Arca: credere in sé stessi è ciò che distingue il vivere dal sopravvivere".

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

 

Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy