Post Acute for Homeless, Lavorare qui è una scelta di vita

E’ l’unico servizio post ospedaliero in Italia per homeless. E lavorare qui, prima di tutto, è una scelta di vita. La testimonianza di Agnese e Clelia, coordinatrici del nostro Centro medico per senza dimora.

"Quando si entra nel Centro medico Post Acute for Homeless, si entra dentro una storia o, per meglio dire, si entra dentro a tante storie. E un po’ per curiosità, un po’ per sentire personale, lavorare qui diventa una scelta.
E' come trovarsi ai confini di una realtà che la maggior parte delle volte si preferisce pensare che non esista. “A me non può capitare”, e voltiamo lo sguardo. Ma quando tocchi con mano questa realtà, la scelta diventa evitarla o affrontarla e riconoscerla, nel pieno delle proprie competenze professionali e umane. 

Vivere ogni giorno la povertà dell’uomo non è facile: soprattutto per le professioni assistenziali. Perché assistere significa esserci, stare accanto e mettere in gioco tutto se stessi anche attraverso un codice emotivo e non solo razionale: perciò non basta sapere e comunicare ciò che è giusto, ciò che bisogna o non bisogna fare. Essere infermieri o operatori socio sanitari significa anche usare i canali dei sensi per entrare nella relazione con l’altro in una dimensione molto personale.

Ogni giorno noi tocchiamo, ascoltiamo, sentiamo e guardiamo i nostri ospiti. Curiamo le loro ferite, li convinciamo a prendere terapie particolari, li assistiamo durante l’igiene, li vestiamo, ascoltiamo la loro vita e, a volte, le fatiche nell’accettare situazioni gravi e grandi, che ti cambiano per sempre la vita.

Ma un aspetto da non dimenticare è anche che lavorare in Post Acute è una scelta che ti porta a capire da che parte dell’umanità stare e questo, al giorno d’oggi, non è scontato. Non è facile comunicare al mondo esterno che quotidianamente ciascuno di noi spende le proprie competenze a favore degli ultimi, che spesso sono brutti e malati e portano su di sé i segni di malattie che la società ha dimenticato. Qui li assistiamo affinché possano recuperare una dignità di vita e possano tornare a prendere la loro vita tra le mani. Noi abbiamo scelto di esserci e di crederci fino in fondo.

Perché vedere una persona passare dai bisogni ai sogni dà senso alle fatiche e completa il nostro essere professionisti della relazione".

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

 

Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy