Da Linate a San Marco per ripartire davvero

Dormivano a Linate, oggi tornano ad immaginare un futuro lontano dalla strada. In via San Marco i senzatetto dell’aeroporto riprendono così il volo della vita.

"Progetto futuro, San Marco 49". E' il nome che si legge sulla porta entrando nel piccolo Centro di via San Marco, nel cuore di Milano, e a darglielo sono i suoi nuovi inquilini. Dallo scorso inverno diciotto persone senza dimora hanno accolto l'invito a trasferirsi qui, dopo l'incontro con gli operatori della nostra Unità mobile di strada.

All’origine di tutto c’è un accordo con la Sea - la società che gestisce gli aeroporti milanesi - per rispondere a un’emergenza che si era verificata all'aeroporto di Linate dove molte persone si rifugiavano per sfuggire al freddo e ai pericoli della strada.

Il Centro di San Marco, ospitato nei locali di un'ex biblioteca messa a disposizione dal Comune di Milano, nasce per dare loro un riparo durante il Piano Freddo ma rapidamente si evolve in un Centro di reinserimento sociale che ai suoi ospiti, oltre ai servizi essenziali di base - un letto, il pasto, una doccia - offre soprattutto la possibilità di rimettersi in cammino verso un futuro possibile dove riconquistare uno spazio come persone e come cittadini.
Ad accompagnarli, c'è un'equipe di professionisti formata da educatori, una psicologa e un'assistente sociale, che per ogni persona attiva un progetto individuale con l'obiettivo di creare le condizioni per un graduale passaggio verso l'autonomia sociale e abitativa.

 Professionisti dell'accoglienza: l'equipe del Centro San Marco

 

Tre volte alla settimana ci si siede tutti attorno al grande tavolo della sala comune per programmare insieme le attività del Centro. Ciascuno è chiamato a dare il proprio contributo, dalle pulizie alla cucina, alla gestione degli spazi e degli orari di apertura. Racconta Stefano Galliani, responsabile dell'Area servizi senza dimora in Progetto Arca:

La partecipazione è alta e si è instaurato un clima di fiducia e di collaborazione. A sorpresa, le persone all'inizio più diffidenti, oggi sono quelle che si impegnano di più.

In tanti si sono fatti coinvolgere anche in attività di volontariato. C'è chi partecipa al recupero delle eccedenze alimentari dai supermercati con il programma di Siticibo, chi dà una mano come autista nelle Unità di strada, chi ancora si rende disponibile per piccoli lavori come un trasloco di mobili di un altro servizio di Progetto Arca o nell’inserimento dati.

L’obiettivo principale è il recupero di competenze da tempo dimenticate e la riconquista della fiducia nella capacità di compiere scelte per la propria vita.

Intanto, i primi risultati sono cominciati ad arrivare e incoraggiano a proseguire lungo questa strada.
Il signor M., che al gioco aveva sperperato i suoi risparmi, ha trovato il coraggio di riallacciare i rapporti con la famigia, è tornato a casa e sta seguendo un percorso per disintossicarsi dalla dipendenza. Un altro nostro ospite ha trovato lavoro come saldatore in una società metalmeccanica e il suo vicino di stanza, piuttosto compromesso dall’alcol, ha completamente smesso di bere. “L’assistente sociale è rimasta sbalordita quando è venuta a trovarlo. Per noi questo successo conferma quanto peso abbiano gli affetti e le relazioni umane sulla ripresa della persona.”

Uno dei punti di forza di San Marco è proprio la dimensione del gruppo, il fatto che ognuno si senta "parte di" e non un semplice ospite di passaggio, come accade in un comune dormitorio.

Fanno parte del percorso anche i gruppi relazionali dove ognuno è libero di raccontare di sé, esporre i propri problemi e anche i desideri che ha per il proprio futuro. All'inizio aprirsi non è facile, soprattutto per chi ha un’esperienza di lungo corso sulla strada. “Un nostro ospite, da vent’anni senza dimora, aveva deciso di fare ritorno a Linate, ma tre settimane dopo si è ripresentato al Centro. Oggi è una delle persone che sostengono questo progetto con maggiore convinzione.”

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!

 

 

 

Questo sito web fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza di visita. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, puoi consultare la nostra Cookie Policy