postacute cover

 

Tre stanze, 20 posti letto, un’equipe di professionisti tra medici, infermieri e personale socio sanitario e un approccio di cura basato sulla presa in carico dei bisogni globali della persona.
Il Centro Post Acute per Homeless è uno dei primi in Italia nato per dare una risposta alla post degenza delle persone senza dimora. Vi accede chi è stato dimesso da un ospedale ma non ha una rete familiare di appoggio né una casa dove affrontare la delicata fase della convalescenza.

Nel nostro Centro medico accogliamo persone senza dimora che hanno bisogno di ricevere cure mediche, infermieristiche o assistenza nell’assunzione di farmaci per evitare ricadute e nuovi ricoveri, inevitabili se tornassero a vivere in strada.

Nella maggior parte dei casi, il quadro clinico degli ospiti è fortemente compromesso: in genere le persone accolte soffrono di precoce cronicizzazione e di pluripatologie accumulate negli anni - infezioni acute alle vie respiratorie, malattie della pelle, disturbi cardiaci ma anche postumi da interventi chirurgici - e, pertanto, devono sottoporsi a poli terapie.

Il percorso di cura è sempre accompagnato dalla ricerca di valide alternative alla vita in strada al momento della dimissione.

Avviato nel 2013, il Centro è oggi un polo di riferimento importante per ATS e Comune di Milano e uno snodo della rete dei servizi a supporto del sistema sanitario dedicato alle persone più vulnerabili della città.

Il servizio si pone in continuità con il Reparto di degenza infermieristica, aperto al primo piano del Centro di accoglienza straordinaria di via Mambretti a Milano.

Con 20 posti letto e un'equipe socio-sanitaria dedicata, il Reparto accoglie accoglie persone senza dimora, anche dimesse dalla Post Acute, che hanno bisogno di proseguire il percorso di cura, pur senza la necessità di un presidio medico forte. 
L’accoglienza può durare fino a 18 mesi, un periodo considerevole che offre all’ospite la possibilità di migliorare la propria qualità di vita all’interno di un progetto più ampio che ha come obiettivo il raggiungimento dell’autonomia oppure l’ingresso in strutture di accoglienza o di riabilitazione.

Delle 124 persone dimesse nel 2020, nessuna è tornata in strada: il 90% ha proseguito il percorso in altri servizi di cura e il 10% vive a casa di amici o familiari.

 

 

 

 
 

NEWS CORRELATE

Vaccini in strada per i senza dimora. Nessuno deve rimanere escluso

Vaccini in strada per i senza dimora. Nessuno deve rimanere escluso

Curare i poveri, a Milano un nuovo Reparto di assistenza infermieristica

Curare i poveri, a Milano un nuovo Reparto di assistenza infermieristica

Post Acute for Homeless,

Post Acute for Homeless, "Lavorare qui è una scelta di vita"

Roberto,

Roberto, "Finalmente ho trovato chi mi ascolta con gli occhi"

Visite oculistiche e occhiali gratuiti per chi ha più bisogno

Visite oculistiche e occhiali gratuiti per chi ha più bisogno

A colloquio con Elio Renesto, medico del Centro Post Acute per Homeless

A colloquio con Elio Renesto, medico del Centro Post Acute per Homeless

Post Acute Homeless, letti e cure per chi non ha una casa

Post Acute Homeless, letti e cure per chi non ha una casa

Prev
 

Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.
Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy